mercoledì 24 maggio 2017

I Finanzieri democratici ricordano Giovanni Falcone




Risultati immagini per falcone
Ricordo ancora quel triste giorno palermitano, delle morti annunciate da tempo a cui lo Stato di allora non si oppose per tempo, Giovanni Falcone era stato lasciato solo a combattere la sua battaglia contro la mafia, così come era stato fatto con il generale Dalla Chiesa e con il deputato comunista Pio La Torre. Falcone era solare e socievole con gli amici fidati ma schivo e sospettoso in pubblico, temeva, forse, di essere attaccato per qualunque cosa avrebbe detto. La mafia è anche questo: silenzio, omertà, lenta distruzione, mediante calunnie e diffamazioni, di quegli uomini dello Stato che hanno creduto nella lotta alla mafia, per costruire un Paese migliore.

Ho avuto l'Onore ed il piacere di conoscere personalmente il Giudice Ayala, uno dei più cari amici e stretto collaboratore di Giovanni Falcone.

Lorenzo Lorusso - presidente del Movimento dei Finanzieri Democratici


Nessun commento:

Posta un commento