lunedì 7 marzo 2016

Uranio impoverito, sentenza storica del Consiglio di Stato

Per la prima volta riconosciuto ad un militare il danno da causa di servizio   

 Uranio impoverito, foto di Sergio Trenna - Flickr.com
 Uranio impoverito (Sergio Trenna - Flickr)

""
"Avevo 24 anni quando mi hanno diagnosticato il linfoma, oggi che ne ho dieci di più e sono ancora vivo. L'unica cosa che mi sta a cuore è garantire il futuro dei miei quattro figli. Perché oggi, grazie a Dio sto benino, ma non so cosa potrà accadere domani. E questa sentenza, finalmente, rende giustizia a me e ai tanti che come me si sono ammalati per servire la patria". Lorenzo Motta, ex sottocapo della Marina militare, oggi transitato nei ruoli civili del ministero della Difesa a causa della sua malattia, stringe nelle mani la sentenza emessa dalla quarta sezione del Consiglio di Stato che, per la prima volta in Italia, riconosce la "causa di servizio" a un militare ammalatosi dopo l'esposizione ripetuta a polveri di uranio impoverito nei teatri di guerra (da la Repubblica del 6 marzo 2016).

""

Per continuare a leggere l'intervista di Alessandra Ziniti dal sito de la Repubblca, cliccare qui.

Per maggiori informazioni segnalo la pagina del sito "Osservatorio Balcani e Caucaso" dedicata all'argomento (qui),

Gaetano Toro

Nessun commento:

Posta un commento