giovedì 31 dicembre 2015

Raffaele Guariniello, "hombre vertical", lascia la magistratura

                                                        Risultati immagini per guariniello

In questi giorni ha lasciato la magistratura (per effetto dei nuovi limiti d'età introdotti dalla legge Madia), a settantaquattro anni d'età e quarantacinque di servizio, il procuratore aggiunto di Torino, Raffaele Guariniello, noto per le sue inchieste in materia ambientale, di lavoro, a tutela del consumatore, dal lontano processo per le schedature politiche e sindacali alla Fiat, al rogo della Thyssen, ai morti per amianto causate dall'Eternit, al doping nel calcio (in tutto si calcola che abbia aperto ben trentamila fascicoli). Il suo addio è stato condito anche da un po' d'amarezza: in un'intervista a Repubblica (qui), ha parlato di mancanza di entusiasmo tra i magistrati, del loro lavoro vanificato a causa delle intervenute prescrizioni. Ma Guariniello, sempre nell'intervista, ha affermato che non ha alcuna intenzione di mettersi a riposo, essendo pronto per un'altra avventura professionale. Nella sua carriera, Guariniello ha avuto la capacità, criticata da molti, di incardinare a Torino inchieste di rilevanza nazionale, come sul recente caso Volkswagen, ma di lui resterà l'immagine di un magistrato infaticabile e indipendente da ogni consorteria: come direbbero gli spagnoli, un vero "hombre vetical". 

Gaetano Toro

Nessun commento:

Posta un commento